Innovitalia, ricercatori italiani nel mondo in rete

Conoscenza

Se la carenza di attenzione e finanziamenti alla ricerca da parte dello Stato italiano è spesso oggetto di critiche, anche e soprattutto in confronto alle politiche degli altri Paesi occidentali, tanto da originare nell’opinione pubblica il concetto di fuga all’estero dei cervelli, in una direzione apparentemente opposta va un’iniziativa congiunta a cura dei Ministeri degli Affari Esteri e dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, denominata Innovitalia.

Si tratta di un progetto-portale finalizzato alla creazione di una rete di conoscenza e dibattito intorno ai temi scientifici, al quale sono invitati a partecipare tutti i ricercatori italiani, sia che risiedano nel Bel Paese sia che abbiano intrapreso una carriera e un’esistenza in altre nazioni del mondo. La piattaforma, per espressione diretta dei promotori istituzionali, intende “facilitare uno scambio bidirezionale tra ricercatori nel mondo e Paese: rappresenta un luogo per massimizzare l’impatto dell’esperienza e del capitale umano, culturale e disciplinare dei ricercatori italiani nel mondo” .

Community, forum, gruppi tematici di discussione sono le forme in cui lo scambio di conoscenze ed esperienze si esprime. I contributi spaziano dalla richiesta di collaborazioni alle occasioni di business che possano mettere in collegamento la ricerca scientifica con l’industria, da luoghi di riflessione al racconto di vita vissuta e ad informazioni sulle opportunità e le condizioni di lavoro all’estero. Una colonna di feed aggiorna i frequentatori della piattaforma su notizie istituzionali del governo italiano, su bandi di finanziamento emessi, su conferenze e occasioni di carriera.

Al momento il sito risulta ancora in fase di crescita, poiché il progetto è molto recente, ma i due ministeri si aspettano che un numero sempre maggiore di ricercatori decida di aderire e contribuisca mettendo in rete idee, proposte di studio, competenze e risultati scientifici. Dal punto di vista delle scienze mediche e delle scienze biologiche, così come in altre aree disciplinari, sono soltanto alcune le reti tematiche oggi attive: studenti, medici, professori e tecnici in otorinolaringologia, audiologia, audioprotesi e audiometria, pertanto, hanno davanti a sé la possibilità di scrivere una nuova storia della ricerca italiana sulle tematiche dell’udito, mettendo in rete a beneficio dei colleghi connazionali nel mondo l’esperienza tricolore in materia.

Info: www.innovitalia.net .

Foto: L'home page del portale Innovitalia.net. © C. P.

C. P.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">