“Hearing For Life”: il Covid-19 non ferma la Giornata dell'Udito 2021, nel mondo

Eventi

“Hearing For Life – Sentire per vivere” è il motto scelto dall’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità per la Giornata dell’Udito 2021, in programma nella sua sesta edizione anche nel nostro Paese, nonostante l’epidemia. © Udito Italia

“Hearing For Life” – sentire per vivere – è il tema proposto dall'OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità per il World Hearing Day 2021, la Giornata dell'Udito che si celebra, in tutto il mondo, il 3 marzo di ogni anno. Un'iniziativa che, ancora una volta, vede anche il nostro Paese protagonista.

Senza dubbio, l’associazione Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus, nel tempo, si è fatta interprete dell’organizzazione degli eventi della ricorrenza a Roma, presso il Ministero della Salute, riunendo i maggiori esperti del settore medico, scientifico, tecnologico, dell’informazione e delle istituzioni per parlare di politiche sanitarie e di prevenzione dei disturbi uditivi: ed oggi è al lavoro, anche in tempo di epidemia, per impostare le iniziative di questa sesta edizione. L’appuntamento si annuncia particolarmente importante, per il settore: è infatti atteso da parte dell’OMS il “World Report on Hearing”, il documento con il quale si fondano le priorità della lotta all’ipoacusia e dell’importanza della cultura di un buon udito. Intorno alle tematiche, l’associazione Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus intende convogliare le energie di tutti gli attori italiani che, a vario titolo, si interessano al superamento di questa disabilità, al fine di portare il fattivo contributo del Paese alle strategie globali di sensibilizzazione e azione.

Vivere la prevenzione in piazza, nonostante la pandemia, è stato l’obiettivo di Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus fin dallo scorso autunno. © Nonno Ascoltami!

Zero dubbi, sull’importanza e sulla necessità della partecipazione attiva alla prevenzione: l’ha già dimostrato, lo scorso autunno, la campagna 2020 di Nonno Ascoltami! che ha garantito, nel rispetto delle norme sanitarie, la presenza fisica dei controlli nelle piazze, sostenuta da una diretta streaming che ha spostato il dibattito in un evento da remoto, riunendo numerosi soggetti vicini al settore in una staffetta di contributi e riflessioni utili, a maggior ragione, in un momento storico così particolare dal punto di vista sanitario e sociale. La sfida di successo lanciata alla pandemia ha visto un processo di adattamento repentino ed efficace dell’organizzazione di questi eventi, che ha trasformato, con un'evoluzione felice e ben riuscita, la consueta campagna di controlli dell'udito nelle piazze d'Italia promossa dall'associazione Nonno Ascoltami!, che in questa occasione ha fronteggiato le esigenze di cautela connesse all'epidemia con una formula riveduta al fine di minimizzare i rischi di contagio: la possibilità di appuntamenti per eseguire gli esami audiologici nei tendoni, l'uso scrupoloso di dispositivi di protezione e disinfettanti. Domeniche protagoniste dal 27 settembre al 18 ottobre, undicesima edizione, venti città di dieci regioni del Paese, dove diversi operatori sono stati disponibili per la diagnostica in piena sicurezza; dirette streaming mattutine la novità di quest'anno, condotte da Pescara dalla presidente dell'associazione Valentina Faricelli e da diversi ospiti, con esperti del settore a condividere riflessioni.

Bisogna curare l'udito, oggi più di ieri, è il motto: le necessità di distanziamento, anche e in particolare per la terza età, richiedono urgentemente una riabilitazione sensoriale – laddove serva – al fine di permettere un’esperienza di interazione sociale completa e soddisfacente anche da remoto, grazie all’uso delle nuove tecnologie. L’ha spiegato chiaramente anche il presidente dell’ANA – Associazione Nazionale delle Aziende Audioprotesiche, Mauro Menzietti, nel suo appello pubblico sul tema.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">