È stato un successo il congresso degli otorinolaringoiatri 2017: breve resoconto

Reportage

Ha registrato il record di presenze il 104° SIO di Sorrento 2017: uno dei momenti più seguiti è stata la tavola rotonda sull’accesso alle risorse per superare le barriere della sordità, a cui hanno partecipato Assobiomedica e le associazioni di pazienti. © C. P.

Carlo Antonio Leone può essere soddisfatto dell’esito dell’edizione numero centoquattro del congresso SIO organizzato a conclusione dell’anno di presidenza. Eccellente partecipazione e contenuti di alto livello scientifico sono stati i tratti salienti delle giornate di Sorrento. Il nostro reportage.

Certamente uno dei motivi del successo del congresso della Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale è stato il luogo prescelto dall’organizzazione: Sorrento e il suo golfo hanno accolto con il consueto calore oltre millecinquecento iscritti. © C. P.
È stato l’Hilton Sorrento Palace ad ospitare quest’anno il congresso degli otorinolaringoiatri. © C. P.

Grande conclusione e interessanti spunti di riflessione hanno caratterizzato l’evento di formazione professionale annuale degli specialisti italiani di orecchio, naso e gola, che si sono ritrovati numerosi sulla celebre penisola a fine maggio. L’apertura rinnovata della Società verso gli altri Paesi del mondo, ma anche verso categorie affini e complementari all’esercizio della disciplina, era evidente scorrendo il programma intenso di occasioni di dialogo, apprendimento, scambio di esperienze cliniche e confronto accademico, oltre che animato da uno sguardo attivo e costruttivo verso le politiche necessarie a progredire nello sviluppo del settore. Quattro giorni impegnativi di lavoro e studio, per affrontare le tematiche di interesse più attuale ad impronta sia speculativa sia clinica organizzativa, secondo lo spirito voluto dal presidente uscente, che ha inteso agevolare l’incontro fra giovani colleghi e specializzandi e grandi nomi dell’otorinolaringoiatria non soltanto italiana.

Fuori dal programma, che ha previsto numerosi corsi e momenti di aggiornamento, le giornate di Sorrento hanno assicurato anche incontri commerciali e iniziative sociali. © C. P.

Sicuramente di rilievo gli ospiti internazionali, provenienti da Brasile, Francia, Germania, Giappone, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti e Turchia. Società scientifiche italiane aderenti alla SIO si sono riunite in direttivi ed assemblee, durante il congresso: la stessa Società Italiana di Otorinolarongologia e Chirurgia Cervico-Facciale, naturalmente, ma anche l’AOOI – Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani, l’AUORL – Associazione Universitaria Otorinolaringologi, l’AOICO – Associazione Ospedaliera Italia Centromeridionale Otorinolaringoiatrica, l’AIOLP – Associazione Italiana Otorinolaringoiatri Libero-Professionali, l’AIOG – Associazione Italiana di Otorinolaringoiatria e Geriatria, il Gruppo ORL Alta Italia e l’AICNA – Accademia Italiana di Citologia Nasale. Dopo il primo giorno dei lavori, caratterizzato da numerosi corsi monotematici, dalla relazione ufficiale e dalla cerimonia inaugurale, l’evento è proseguito con tavole rotonde, letture, comunicazioni e sessioni video che hanno approfondito vari temi di discussione: impianto cocleare e neurinomi dell’acustico, la chirurgia dell’orecchio medio, della staffa, delle vertigini, dell’otosclerosi e dell’otite cronica, la diagnostica, la clinica e la terapia vestibolare, la malattia di Ménière, l’audiologia e l’otologia pediatriche, la gestione del colesteatoma dell’orecchio medio, sordità monolaterali ed asimmetriche e loro trattamento, i consensi informati, le ipoacusie trasmissive e miste, il suono come terapia per l’acufene e la gestione multidisciplinare di questo tipo di pazienti, sessioni per logopedisti ed audioprotesisti, otochirurgia endoscopica, cosa cambierà per il medico con il nuovo regolamento della privacy nell’Unione Europea, la chirurgia a bassa invasività in otorinolaringoiatria, la responsabilità professionale e la nuova legge, tecnologie e tecniche innovative, casi clinici in otologia fra Verona e Nashville e casi pratici di interesse medico-legale in otorinolaringoiatria.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">