Focus su iperacusia, misofonia e malattia di Ménière: nuovo numero ricco di temi

Informazione

Copertina dedicata al contrasto del declino cognitivo, per il numero di maggio della rivista Audiology Infos Italia. © EDP

Grande distribuzione dedicata anche ai millecinquecento partecipanti al 104° congresso SIO di Sorrento, contenuti di interesse per professionisti del settore audiologico e contributi d’autore su alcune tematiche fra le più emergenti: il numero di maggio di Audiology Infos Italia si presenta corposo.

Lavori di ricerca di gruppi universitari italiani impreziosiscono anche l’edizione odierna, che contiene due approfondimenti a cura di autori di Roma e L’Aquila e di Catanzaro: il primo indaga i frequenti disturbi da ridotta tolleranza ai suoni, come l’iperacusia e la misofonia; il secondo propone l’analisi proteomica per la diagnosi precoce della malattia di Ménière. Clinica specialistica, continui scambi di esperienze internazionali e una ricca bibliografia sono alla base dello studio firmato da Alessandra Fioretti, Eleonora Natalini, Vittoria Di Rubbo, Sara Cisternino e Alberto Eibenstein, che descrive le cause, le modalità diagnostiche e il trattamento delle patologie uditive che comportano una percezione molto fastidiosa di qualsiasi stimolo sonoro, anche ordinario. L’ipotesi di una firma molecolare per i pazienti ménièrici è stata avanzata, invece, presso l’Università “Magna Græcia” del capoluogo calabrese da Giuseppe Chiarella, Milena Saccomanno, Claudia Cassandro, Giovanni Cuda ed Ettore Cassandro, che hanno condotto prove specifiche di laboratorio destinate ad identificare potenziali biomarcatori: l’articolo illustra il dettaglio dell’approccio e i risultati raggiunti, discutendo i dati alla luce delle potenziali applicazioni.

Ha presentato anche il 104° congresso della Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale di Sorrento questo numero della rivista, che è stato distribuito come sempre ai partecipanti all’evento formativo, che quest’anno hanno fatto registrare il record di millecinquecento presenze: l’intervista al presidente uscente Carlo Antonio Leone, che proprio nei giorni dell’appuntamento ha passato il testimone a Ettore Cassandro, ha rilevato la particolare vivacità della scuola campana per quanto riguarda la disciplina; in particolare, il tratto che lo specialista partenopeo ha voluto sottolineare è la funzione sociale dell’otorinolaringoiatria, in un momento in cui il 40% dei sette milioni di italiani affetti da problemi audiologici è rappresentato da anziani, per cui una diagnosi e una riabilitazione tempestiva costituiscono l’opportunità di migliorare la qualità della vita e contrastare l’isolamento e il declino cognitivo. Altri servizi riguardano la tecnologia dell’audiometria, con un ricco approfondimento sulle attrezzature oggi proposte sul mercato, la chirurgia otologica, con un’intervista a Giuseppe Niccolò Frau di Rovereto (Trento), protagonista con la sua équipe di un intervento complesso di impianto bilaterale e ricostruzione del padiglione, la ricerca, con la presentazione di un protocollo in Messico per lo screening audiologico in utero; interviste a Søren Nielsen e ad Alessandro Bondi di William Demant offrono uno spaccato sulle strategie delle aziende di settore, a livello globale e italiano. Oltre alla versione cartacea, l’ultimo numero della rivista è disponibile per la consultazione e l’archiviazione anche in formato digitale, che si può sfogliare e scaricare al link che segue.

Info: Audiology Infos Italia 30/2017.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">