Innovare l’attività audioprotesica: «Vi presento SoftMed: la comunicazione oggi»

Audiology Infos. Come vede il futuro della sua azienda? E come evolverà a suo parere la comunicazione in ambito sanitario?

Eugenio Luciani. Il futuro della nostra azienda andrà in parallelo con la comunicazione in ambito sanitario: ci concentreremo sull'invecchiamento, sulla percentuale di anziani, sul carattere degli ultrasessantacinquenni, sui dispositivi indossabili, sul fatto che esisteranno cinquanta miliardi di oggetti connessi ad Internet nel 2030 e sulle tendenze esclusive applicate alla sanità intelligente. L'invecchiamento avrà due facce: un'esigenza di monitoraggio della salute nell'anziano malato, con le cure domiciliari ed un risparmio per il Sistema Sanitario Nazionale che si stima intorno ai sette miliardi di euro l'anno; ma anche un aspetto attivo per l'anziano sano, che cercherà occasioni di turismo e di integrazione. SoftMed sarà un attore propositivo, un aggregatore di esigenze e di esperienze, un incubatore di soluzioni costruttive per l'innovazione nella sanità digitale. A questo contribuiscono le tendenze che la nostra azienda ha avuto il pregio di seguire e fiutare: i social network, il cloud, le tecnologie mobili e i big data applicati alla sanità, cioè le ricerche di mercato, le abitudini sui costumi delle persone. SoftMed ha anticipato i tempi ed è perfettamente allineata con i più alti standard di sviluppo su queste tendenze. Cerchiamo di mirare dove guarderanno i nostri figli.

Il futuro vedrà a mio parere soluzioni personali per la salute, la sanità e il benessere, che non verranno trasmesse da entità astratte, ma direttamente attraverso un canale mirato con il paziente, che cercherà la propria personale soddisfazione. La comunicazione, a livello globale nel mondo della sanità, sarà diretta verso il potenziale paziente che vorrà prevenire più che curarsi, capire più che essere guidato. Su questo apro una postilla inerente la primaria sfida che si giocherà nei prossimi anni per conseguire un equilibrio stabile tra sicurezza dei dati, privacy, affidabilità/continuità dei sistemi di sanità digitale e le forti spinte all’efficacia, alla semplificazione, all’immediatezza e all’usabilità dei sistemi stessi: su questo aspetto di governo mondiale dei sistemi informativi si basa il benessere della popolazione nei prossimi anni e decenni.

Eugenio Luciani, amministratore unico di SoftMed. © Valentina Del Bianco

Audiology Infos. Cerchi di convincere, in estrema sintesi, un potenziale cliente sui benefici delle soluzioni SoftMed per la sua attività professionale. Perché dovrebbe rivolgersi a voi?

Eugenio Luciani. Le nostre soluzioni hanno un design mirato all'utente finale, la cosiddetta ergonomia; sono software che puntano su precisione, adeguatezza e accuratezza. Ancora meglio: sono soluzioni sartoriali personalizzate sulle esigenze del cliente. Il flusso che Softmed attua è quello dell’analisi, dell’ascolto, seguito dallo sviluppo (con le competenze ICT in sinergia con il team commerciale, contabile, marketing), e poi il follow-up per il perfezionamento, la correzione, la formazione. Ma l'argomento più importante che ci contraddistingue è che ci impegniamo su progetti e processi che assorbono un investimento di tempo, impegno ed entusiasmo, un coinvolgimento diretto da parte nostra, mirato al rinnovamento e al cambiamento dei modelli organizzativi di business del nostro cliente: entriamo nei meccanismi della gestione di questo cambiamento e siamo felici di dedicarvi la nostra esperienza, cioè non vendiamo software un tot al chilo, ma aiutiamo i nostri partner a renderlo efficace nella loro realtà.

A cura di Claudia Patrone

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">